Cos’è il Finanziamento Macchinari Innovativi

Il finanziamento per i Macchinari Innovativi è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero Sviluppo Economico – MISE con l’obiettivo di aiutare la realizzazione, nelle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, di investimenti finalizzati alla transizione del settore manifatturiero verso la cosiddetta “Fabbrica intelligente”.

La disposizione sostiene gli investimenti innovativi che, in coerenza con il piano nazionale “Impresa 4.0” e la Strategia nazionale di specializzazione intelligente, consentono la connessione fra componenti fisiche e digitali del processo produttivo. Lo scopo è sempre quello di innalzare il livello di efficienza e di flessibilità delle attività economiche, grazie all’utilizzo di nuovi macchinari, impianti e attrezzature funzionali ai programmi di investimento. Compresi nel finanziamento anche i software, nonché software e licenze.

Il programma “Imprese e competitività” 2014-2020 FESR garantisce l’attivazione delle risorse comunitarie e dei fondi nazionali complementari alla programmazione europea già stanziati. La dotazione finanziaria totale dello strumento è di oltre 340 milioni di euro.

Chi può usufruire del finanziamento

Possono usufruire dell’agevolazione le micro, piccole e medie aziende (PMI) che alla data di presentazione della domanda abbiano questi requisiti:

  • siano regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese
  • abbiano il pieno e libero esercizio dei propri diritti
  • non siano in liquidazione volontaria
  • non siano sottoposte a procedure concorsuali
  • siano in regime di contabilità ordinaria e dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese, oppure, nel caso di aziende individuali e società di persone, abbiano almeno due dichiarazioni dei redditi
  • siano in regola con la normativa vigente in materia di edilizia ed urbanistica, del lavoro e della salvaguardia dell’ambiente, nonché con gli obblighi contributivi
  • non abbiano delocalizzato nei due anni precedenti verso l’unità produttiva oggetto dell’investimento
  • non abbiano ricevuto e non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione europea
  • non risultino aziende in difficoltà

Possono accedere alla richiesta di contributi anche i liberi professionisti iscritti agli ordini professionali o alle associazioni professionali individuate nell’elenco tenuto dal Ministero Sviluppo Economico – MISE ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 e in possesso dell’attestazione rilasciata in ottemperanza alla medesima legge.

Per tutti gli ulteriori dettagli si rimanda alla pagina del MISE – Ministero Sviluppo Economico che descrive in dettaglio la misura.

Per ogni acquisto di materiale elettrico e attrezzature, compresi articoli che possano essere inclusi nella richiesta di contributo, rimandiamo allo Shop Ecommerce Del Piano e alla pagina delle richieste per un preventivo personalizzato.

Categorie: Novità

× Contattaci subito con Whatsapp